Dal 15 luglio il biglietto Atm costerà 2 euro

Con l’approvazione di ieri 26 giugno 2019, il Consiglio Comunale del capoluogo lombardo ha introdotto le nuove tariffe e le agevolazioni per under, anziani e famiglie che avranno effetto a partire dal 15 luglio.

Il biglietto ordinario passa a 2 euro ma si allargano i confini: si potrà viaggiare anche nella prima fascia dei Comuni dell’hinterland che sono 21 in totale. Il che significa che si abbassa la tariffa per raggiungere da Milano per esempio il Forum di Assago, la Fiera di Rho, Gessate o Cologno Monzese. Stesso beneficio si avrà sugli abbonamenti, che si abbassano per i pendolari provenienti da queste aree. In generale la delibera fissa aumenti anche sugli abbonamenti giornalieri, settimanali e mensili, mentre lascia invariati quelli annuali (che si potranno rateizzare) per favorire la fidelizzazione degli utenti.

La Tariffa Urbana si allarga

La tariffa ordinaria “urbana” sarà ora valida fino ai capolinea M1 Sesto FS, M1 Rho-Fiera, M2 Cologno Nord, M2 Vimodrone, del 15 a Rozzano e del 31 a Cinisello Balsamo, e poi nei Comuni di Assago, Baranzate, Bollate, Bresso, Buccinasco, Cesano Boscone, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Cormano, Corsico, Cusano Milanino, Novate Milanese, Opera, Pero, Peschiera Borromeo, Rozzano, San Donato Milanese, Segrate, Sesto S. Giovanni, Settimo Milanese e Vimodrone.

Le nuove tariffe

Il biglietto giornaliero sale da 4,5 a 7 euro e viene introdotto un biglietto valido per tre giorni al prezzo di 12 euro.
Il carnet da 10 corse passa da 13,80 a 18 euro e l’abbonamento settimanale da 11,3 a 17 euro. 
L’abbonamento mensile urbano rincarerà: da 35 a 39 euro. Restano invariati i prezzi degli abbonamenti per anziani, studenti e disoccupati.
L’abbonamento annuale invece rimane fermo agli attuali 330 euro, con la possibilità di pagarlo a rate senza costi aggiuntivi.
Gratuiti gli abbonamenti per gli under 14 e per gli over 65 con Isee inferiore a 6 mila euro.

Le novità più rilevanti

Innanzitutto, non ci saranno aumenti per i prossimi tre anni degli abbonamenti annuali.
Per gli animali domestici, che fino ad oggi pagano un biglietto ordinario, dal 15 luglio avranno diritto al trasporto gratuito e in qualsiasi fascia oraria senza limitazioni.
Agevolazione per i disoccupati, che usufruiranno di un prezzo scontato di 50 € per l’abbonamento annuale (disoccupati da almeno 24 mesi e con Isee inferiore a 16.900 €).
Agevolazioni per tutti i soggetti con Isee inferiore a 6 mila euro, per i detenuti che, grazie ai permessi, si spostano con i mezzi pubblici per motivi di studio o lavoro.
Inoltre, spariscono i vincoli orari dell’abbonamento “off peak”, che finora garantisce una tariffa scontata agli anziani a patto che, da lunedì a venerdì, usino i mezzi dopo le 9.30 di mattina, cioè fuori dalle ore di punta. E la tariffa rimane invariata: 16 euro il mensile, 170 euro l’annuale.
Gli sconti alle famiglie numerose partono ora da chi ha più di tre figli (e non più quattro). 
Sconto anche per gli ex appartenenti alle forze dell’ordine e all’esercito, che vanno in pensione prima di 65 anni e quindi non usufruirebbero degli sconti per gli anziani. E viaggeranno gratis gli insegnanti accompagnatori in gita scolastica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *